Il Calendro dedicato a Don Alex Martinelli

GORFIGLIANO - Una tradizione tutta gorfiglianese. Nel paese dell'Alta Garfagnana è costume infatti issare una grossa tempia di faggio come segno di buon auspicio per un nuovo prete. Don Alex Martinelli sarà infatti ordinato sacerdote il prossimo 28 giugno nella Cattedrale di San Martino a Lucca.

-

Gorfigliano, Alta Garfagnana. Al confine settentrionale della provincia. Di Gorfigliano è originario Don Alex Martinelli che fra poco meno di un mese, il 28 giugno, sarà ordinato sacerdote nella Cattedrale di San Martino da Monsignor Italo Castellani. Un prete di Gorfigliano non succedeva da decenni ormai, dagli anni ’70, quando prese i voti Don Mario Tucci, oggi parroco nella zona di Massa. Allora, il paese di Gorflgliano che vive e trae spesso linfa vitale dalle proprie tradizioni, si è messo in movimento. Un fermento che sa di entusiasmo ha pervaso molte persone, tanto è ancora profonda e radicata la fede da queste parti. Ecco dunque il Calendro, una gigantesca tempia di faggio, alta 21 metri che gli operosi compaesani di Don Alex hanno tagliato nei boschi di Orto di Donna. Il trasporto e l’issatura, proprio in località “Il Colletto” dove vive la sua famiglia, sono state operazioni faticose e complicate, ma svolte con cura ed amore. La tradizione, il rituale è tutto, e solo gorfiglianese. Il vice-sindaco di Minucciano Erminio Monelli ce ne svela il significato.

Gorfigliano scenderà in massa a Lucca il 28 giugno, ma si prepara anche a festeggiare in grande stile il suo giovane prete. Domenica 5 luglio in paese si terrà una grande festa a cui parteciperanno davvero tutti. Intanto sulla cima del Calendro sventolano il tricolore e la bandiera del Vaticano, oltre ad una lampadina che sarà la luce per indicare il luogo da dove diversi anni fa partì Don Alex Martinelli.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento