Arrestato per tentato omicidio

VIAREGGIO - I Carabinieri del Reparto Operativo di Lucca e della Compagnia di Viareggio hanno arrestato  PG HASSAN Arbi di 36 anni, marocchino, clandestino, poiché responsabile del tentato omicidio di un 19 enne suo connazionale, anche lui clandestino.

-

Il fatto è accaduto  la notte di  venerdì 12 giugno u.s. in località Darsena di Viareggio, lungo il viale Europa. Quella notte una pattuglia della Compagnia Carabinieri di Viareggio, in servizio di perlustrazione, ha  rinvenuto agonizzante a terra, sul marciapiede prospicente il locale denominato “Buffalo”, il giovane che presentava varie ferite tra cui una profonda al torace. Soccorso e trasportato all’ospedale Versilia i medici hanno accertato che la ferita era stata prodotta da un pugnale che  aveva lesionato il  cuore e l’arteria, per questo,  trasferito all’ospedale Pasquinucci di Massa,  è stato sottoposto  ad intervento chirurgico che ha consentito di stabilizzare le sue condizioni di salute.  Sul luogo dell’ accaduto sono intervenuti  i  carabinieri del Reparto Operativo di Lucca e della Compagnia di Viareggio  che hanno ricostruito  la dinamica del tentato omicidio, accertando trattarsi  dell’epilogo di una  lite avvenuta tra i due marocchini nelle adiacenze del parcheggio del locale “Maki Maki”, a seguito del quale  il 19 enne è stato dapprima aggredito e poi pugnalato al petto, al fianco e alla mano dal suo connazionale,  per motivi non del tutto chiari, su cui sono tuttora in corso accertamenti. Le immediate indagini hanno consentito in poche ore di identificare l’aggressore che con un operazione di ricerca ad ampio raggio nell’ambito del territorio viareggino è stato  localizzato e infine  catturato. Il predetto aveva trovato un primo rifugio nell’ambito dell’area portuale col probabile intento di organizzarsi per lasciare Viareggio e alla vista  dei carabinieri  ha anche  cercato di dileguarsi verso la pineta. Il fermo è stato convalidato dal GIP del Tribunale di Lucca che ha disposto la misura cautelare in carcere.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento