Tambellini: “Lo sciopero del panino è ingiustificato”

LUCCA - Le tariffe delle mense scolastiche sono state l'argomento clou della prima puntata di "Diretta sindaco", che ha visto protagonista il primo cittadino di Lucca, Alessandro Tambellini.

- 4

 

Il sindaco, rispondendo a numerosi messaggi di protesta inviati dai cittadini, ha difeso a spada tratta la nuova modulazione del costo della mensa in base al reddito, ha sottolineato che delle nuove tariffe era stata data comunicazione già a febbraio ed ha definito ingiustificato lo sciopero del panino annunciato alla scuola elementare di San Michele di Moriano. Tambellini ha anche fatto balenare la possibilità da parte del Comune di una richiesta danni nei confronti dei genitori che dopo aver richiesto il servizio non manderanno i figli a mensa.

Per il resto il sindaco, ha risposto a varie domande, dall’emergenza cinghiali ai provvedimenti sulla viabilità, ed ha annunciato che riprenderanno le assemblee con i cittadini a partire dal 7 ottobre e secondo un calendario che verrà comunicato prossimamente.

Infine Tambellini ha detto di non aver ancora preso una decisione su una sua eventuale ricandidatura.

Commenti

4


  1. Caro sindaco in tanto i suoi mezzi di comunicazione non sono efficienti perché come me tantissimi genitori non erano in formati ma non è questo il punto il punto è che avete aumentato un servizio scadente e non adeguato al prezzo,il punto e’ le nostre scuole cadono a pezzi avete ridotto ore di scuola non abbiamo acqua potabile ecc


  2. Caro Sindaco ci sara’ stato anche un’avvertimento dell’aumento dei buoni pasto ma il problema non è tanto il costo ma la qualità’ che è pessima e le cose che vengono date ai bambini …mi dica secondo lei quanti bambini mangiano l’insalata di finocchi oppure la pasta con il sugo di trota e tante altre cose che vengono date. Poi capita anche che senza preavviso cambiano il menù che ci dovrebbe essere quel giorno con la solita pasta in bianco e il solito tonno. La figlia di una mia amica non mangia più’ il passato di verdura o minestrone che sia perché un giorno ha visto gli addetti di cucina che rimettevano il minestrone avanzato nei piatti del primo turno della mensa insieme a quello che davano al secondo turno,questo mi sembra più grave di una protesta legittima tra l’altro visto che la qualità’ e il servizio lasciano molto a desiderare.


  3. ‘Caro’ Sindaco , si , molto ‘caro’ : ha aumentato del 22% le tariffe della mensa. IL comune vuole far cassa anche con questo servizio !! (a Capannori prezzo 4 euro, a Porcari 3.5 a Lucca 5 Euro !!!!!)
    Ma poi cosa dice : ‘richiesta danni nei confronti dei genitori che dopo aver richiesto il servizio non manderanno i figli a mensa ‘ : si vergogni ! . Bisognerebbe che tutti i genitori delle scuole del comune non mandassero i figli in mensa x una settimana cosicchè non venissero erogati pasti.


  4. Mi dispiace molto che questi siano i toni del primo cittadino… Il primo giorno di scuola ci è stato comunicato che l’acqua non era potabile ma non il motivo né i tempi per la risoluzione del problema. Se un bambino non può bere “l’acqua del sindaco”, perché il comune non fornisce acqua potabile a proprie spese? Chiede invece ai genitori di mandare ogni giorno l’acqua per il proprio figlio… Dovrei allora chiedere io i danni al comune? Anche per una struttura che necessita da anni di importanti lavori di ristrutturazione e di manutenzione? Anche per non aver potuto lo scorso anno usufruire della palestra per i noti danni al tetto? Per quanto riguarda la mensa, posso essere d’accordo con il nuovo sistema di tariffe in base al reddito familiare, ma mi chiedo: passato di verdure, cotoletta precotta e insalata costa davvero così tanto? Una mamma di San Michele di Moriano

Lascia un commento