“Bambini in festa”, a Castelvecchio Pascoli il ricordo dell’arrivo del poeta

CASTELVECCHIO P. - Si è svolta la scorsa domenica 25 ottobre "Bambini in festa", la manifestazione dedicata ai bambini e al ricordo di Giovanni Pascoli e della sorella Mariù che nel 1895 arrivarono a Castelvecchio di Barga.

-

 

Il sole e la gioia dei più piccoli hanno certamente aiutato e sancito il successo di“Bambini in festa”, la manifestazione nel nome di Pascoli, che si è tenuta la scorsa domenica 25 ottobre nel giardino della dimora del Poeta.  Una giornata particolare, dedicata ai bambini ma anche rivolta al passato e al ricordo: sono infatti passati ben centoventi anni da quel 15 ottobre del 1895 quando Giovanni Pascoli con la sorella Mariù arrivarono a Castelvecchio di Barga per abitare nella casa che diverrà poi la loro dimora definitiva e luogo di grande ispirazione, essendo nate qui le sue liriche più note e importanti, come I Canti di Castelvecchio. I bambini delle scuole d’infanzia primarie e medie hanno rappresentato arti e mestieri di un tempo, mentre i ragazzi più grandi hanno rievocato tutte le fasi della scelta di casa Pascoli, leggendo anche testi originali e facendo rivivere questa emozione a tutti i presenti.La manifestazione, organizzata dalla fondazione Pascoli, dal comune di Barga e dalla misericordia di Castelvecchio guidata da Bruna Caproni e che hanno curato tutta la parte logistica e operativa, ha voluto avvicinare i giovanissimi alla poesia e alla vita del grande poeta. L’dea di dedicare la festa ai bambini è stata molto gradita anche dal senatore Andrea Marcucci e dal presidente della Fondazione Pascoli Alessandro Adami.

Tanti i curiosi e i turisti che hanno fatto la coda per visitare la casa museo di Giovanni Pascoli, ma chissà cosa avrebbero pensato Giovannino e Mariù nel vedere tanti bambini animare il loro frutteto e la loro vigna.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento