Bambini in festa a San Donato per due nuovi alberi

LUCCA - In occasione della "Festa nazionale dell'albero", alla scuola primaria di San Donato la messa a dimora di due nuovi alberi che hanno sostituito un vecchio pioppo abbattuto alcuni mesi fa è stata festeggiata con canti e poesie.

-

 

Ormai era troppo vecchio e malandato per rimanere in piedi. Il crollo di un ramo, per fortuna di notte, aveva creato molta apprensione e così – seppur a malincuore – questo pioppo che campeggiava nel giardino della scuola primaria di San Donato era stato tagliato.

Sono stati gli alunni della classe V della primaria, con una lettera all’inizio di novembre inviata a nome dei bambini di tutta la scuola, a chiedere al sindaco di regalare un albero che potesse sostituire quello abbattutto. Un albero che, come scrivono gli stessi bambini, “viveva” nel giardino della scuola da anni: “Per noi è stato un vero e proprio delitto! – si legge nella lettera – Era un pioppo bianco, molto alto, slanciato verso il cielo, superava di tanto il tetto della scuola e noi lo consideravamo un “amico”: lo guardavamo cambiare durante le stagioni, ci giocavamo intorno ad acchiappino, ci sedevamo sopra le sue radici a parlare e in primavera giocavamo con il suo polline facendo finta che fosse neve. Sotto la sua grande chioma ci riparavamo dal sole e ci facevamo anche educazione motoria!”. È così che i bambini hanno chiesto al sindaco di fare loro dono di due giovani alberi con cui crescere insieme, invitandolo ad essere presente al momento della messa a dimora.

La proposta è stata raccolta dal sindaco Tambellini e della giunta e così oggi i bambini hanno mantenuto la promessa. In occasione della messa a dimora di un tiglio e di un gelso (uno donato dal Comune, l’altro dai genitori), i piccoli e le loro maestre hanno organizzato uno spettacolo per ringraziare tutti quanti. Al centro delle poesie, dei canti e dei balli, ovviamente la natura e gli alberi, in qualche maniera simbolo di pace e di rispetto per ogni essere vivente.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento