Giovane picchiato a sangue in discoteca

LUCCA - Un ragazzo di 22 anni di Segromigno è stato aggredito e ferito in maniera grave da un gruppo di coetanei in una discoteca della provincia di Pisa.

- 6

 

Picchiato a sangue da un gruppo di coetanei senza un motivo, forse per aver detto in maniera troppo brusca di non avere una sigaretta che gli era stata richiesta da uno del branco. Ecco come è stato ridotto un giovane di 22 anni di Segromigno che aveva deciso di trascorrere con alcuni amici il venerdì sera in un locale della provincia di Pisa.

Secondo quanto raccontato ai carabinieri di Lammari intervenuti al pronto soccorso del San Luca, Emanuel stava ballando insieme alla ragazza e ad alcuni amici quando è stato avvicinato da un altro giovane che gli ha chiesto una sigaretta. Dopo avergli risposto di non averla, il coetaneo si è allontanato salvo poi ritornare pochi istanti dopo insieme ad altri sei, sette amici. Il gruppo lo ha aggredito a calci e pugni lasciandolo per terra in un lago di sangue. Secondo il racconto del ragazzo e dei suoi amici, solo l’intervento dell vigilanza interna del locale (arrivata comunque solo dopo molti minuti) ha evitato una tragedia. L’aggressione è continuata anche fuori dal locale ed Emanuel è fuggito solo grazie all’aiuto degli amici che erano con lui.

I medici del San Luca hanno rilevato un violenta trauma facciale, oltre a varie escoriazioni e lividi su tutto il corpo, con una prognosi di 30 giorni. Sul fatto, adesso, indagano i carabinieri di Bientina.

Commenti

6

  1. Gallello luis antonio


    Questa è l’Italia 👏👏👏👏al posto di buttarli fuori a calci nel culo gli accogliete a braccia aperte👏👏👏👏👏poveri infami morti di fame che hanno fatto questo ,state a casa poveracci se non avete i soldi neanche per comprarvi le sigarette morti di fame


    • Sono sicuramente dei codardi…ma non mi sembra che ci sia scritto che sono emigrati…darlo per scontato è veramente triste…non sono una di quelle perbeniste che li difendono ma nemmeno una di quelle che da per scontato che la merda sia solo lì purtroppo anche i nostri figli vengono da una generazione di viziati e viziosi…perciò non metterei la mano sul fuoco sul fatto che non siano dei “nostri” se comunque fosse non va bene comunque!


  2. Antonio hai ragione a dire così perché non lo dovevano picchiare per una cosa banale così e poi così tanti contro uno vuol dire che sono proprio senza palle


  3. Ci sono persone che vanno a ballare solo per fare danni e non per divertirsi…..francamente non capisco la logica


  4. l’identikit di coloro che hanno compiuto questo gesto è dato da due indizi:in 6 contro uno e motivo per una sigaretta rifiutata.Mi sembra che ce ne è abbastanza per capire chi sono questi pseudo homo sapiens con QI = o < a zero.


  5. Su un’altra giornale ci sono maggiori dettagli nome discoteca e nazionalità degli aggressori.
    Ahimè erano albanesi.

Lascia un commento