Lammari, cinque indagati per l’asilo “Cosimo Isola”

CAPANNORI - Ci sono cinque persone indagate per la chiusura dell'asilo nido Cosimo Isola di Lammari a causa di infiltrazioni d'acqua a solo un anno dalla sua inaugurazione.

-

Si tratta dei responsabili legali di altrettante ditte che hanno eseguito lavori di realizzazione dell’edificio. Il sostituto della Procura di Lucca Salvatore Giannino ha ipotizzato a loro carico l’accusa di frode in pubbliche forniture.

Inoltre, altre cinque persone hanno ricevuto avvisi di garanzia pur senza essere indagati. Sono il direttore dei lavori, il collaudatore e persone che hanno rilasciato certificazioni, tutti dipendenti del Comune di Capannori.

L’asilo nido è stato inaugurato nel settembre del 2014 ed è costato 1 milione e 300 mila euro. Il Comune lo ha chiuso il mese scorso, dopo che erano emersi gravi problemi strutturali nelle parti in legno e nelle pareti, a causa dell’umidità.

Il Comune di Capannori è stato riconosciuto dalla procura come parte lesa in questa vicenda.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento