Lucchese che verrà, ora si comincia a fare sul serio

CALCIO LEGA PRO - A poco più di 15 giorni dal raduno e dall'inizio della preparazione la Lucchese è ancora un cantiere aperto. Chiaro che nei prossimi giorni la società dovrà perfezionare e completare la rosa a disposizione di mister Galderisi. Forte pare più lontano mentre interessano Faisca e Coralli.

-

28_6_16_ Coralli

Lucchese che verrà, la nuova Lucchese che sarà. Di fatto parlando e parlando, poichè al di là di qualche conferma di fatti ce ne sono stati ben pochi, siamo ormai a fine giugno e l’avvio della preparazione col raduno intorno al 15 luglio e la partehza pe il ritiro di Reggello, dal 18 al 29, sono come suol dirsi ormai dietro l’angolo. Dal 1° luglio, ovvero da venerdì prossimo si aprirà ufficialmente il mercato e allora forse si può stare anche tranquilli anche se qualche interrogativo è pur lecito porselo. Al momento la Lucchese è formata da una decina di calciatorii ma altrettanti e anche di più ne mancano per completare l’organico. Di nomi se ne stanno facendo tanti, sia in entrata che in uscita. Il nodo-centravanti rimane uno dei più importanti. Avere là davanti uno che la butta dentro sappiamo quanto sia importante. In tal senso pare raffreddarsi la pista che riporterebbe Francesco Forte all’ombra delle mura. L’Inter non ne vuol sapere di accollarsi metà dell’ingaggio e quindi tutto si complica. Più agevole forse arrivare a Claudio Coralli, un altro ex (2006/2007) che col difensore portoghese Vasco Faisca costituirebbe un bel doppio colpo. Pozzebon pare invece sul piede di partenza con la Pistoiese sullo sfondo e la possibilità di uno scambio col laterale arancione Antonelli. Il DS Obbedio dovrà poi sistemare anche i vari Ballardini, Melli, Lorenzini, Rosseti e forse anche Ashong. Infine la Lucchese resta attenta e pronta a chiudere le trattative per il portiere Davide Merelli dell’Atalanta ed il centrocampista Mario Gargiulo del Chievo, tutte operazioni che la società rossonera vorrebbe chiudere ai primi di luglio.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento