Comuni e Forze dell’ordine per la lotta alla contraffazione

PROVINCIA DI LUCCA - Non solo attività di coercizione e repressione, per combattere la contraffazione è necessaria la sensibilizzazione dei cittadini che acquistano la merce falsificata. E' questo il nucleo centrale del protocollo d'intesa siglato in Prefettura a Lucca tra i Comuni di Viareggio, Camaiore, Pietrasanta e Forte dei Marmi, categorie economiche, forze dell'ordine e Ministero dello Sviluppo Economico.

-

 

Alla firma era presente anche il direttore generale del Mise Loredana Gulino che ha sottolineato la crescita di un fenomeno che in Italia vale 7 miliardi di euro. Sul nostro territorio nell’ultimo anno solo la Guardia di Finanza ha sequestrato 150.000 prodotti con marchi contraffatti e denunciato 95 persone. Ma l’attività repressiva, appunto, non basta e così il protocollo prevede azioni di informazione e comunicazione ai consumatori circa i rischi per la salute e le conseguenze economiche della contraffazione.

Un input importante a questa firma è arrivata un anno fa dal Comune di Forte dei Marmi dove il fenomeno cresce, ogni estate sempre di più.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento