La Lucchese rescinde il contratto con Lorenzini

CALCIO LEGA PRO - Gli arrivi dei due giovani rispettivamente da Chievo Verona e Matelica non solletica più di tanto la fantasia dei tifosi rossoneri. Dopo il tempo delle conferme adesso ci si attende qualche colpo di rilievo in grado di conferire maggiore spessore tecnico alla squadra di Galderisi.

-

 

Fra dieci giorni circa si ricomincia, il 18 luglio scatterà il ritiro di Reggello, ma la Lucchese è ancora un cantiere aperto. Il tempo delle riconferme, soprattutto dello zoccolo duro, è ormai passato e ci attende qualcosa di più sostanzioso in sede di mercato. Finora sono arrivati due giovani di belle speranze: il centrocampista Mario Gargiulo dal Chievo Verona ed il portiere pararigori Tommaso Emmanuele Nobile dal Matelica. Due giovanotti di 20 anni e di belle speranze ma che da soli non possono esaltare il popolo rossonero che aspetta e…spera in attesa della granduer finita recentemente troppe volte nel dimenticatoio. Siccome però non si vive e non si vorrebbe vivere di soli ricordi, ecco ch la piazza esige qualche nome pesante. Tocca al DS Obbedio tirare le fila di una serie di trattative avviate da tempo. Alla luce degli elementi attualmente in organico i ruoli più scoperti rimangono quelli di un forte centrale da affiancare ad Espeche, uno/due centrocampisti di qualità e quantità perchè Mingazzini non è eterno. E poi esiste il dilemma-centravanti: Ci sarebbe Pozzebon che però non dovrebbe rimanere ed allora visto che non è semplice riportare a Lucca Forte e Coralli, la questione rimane aperta e spinosa. Del rsto in tema di mercato la fretta è sempre cattiva consigliera ma anche l’immobilismo non è simpatico. Crediamo che la Lucchese si trovi in una sorta di terra di mezzo. Qualcosa succederà da qui a metà luglio, sicuro ma la squadra sarà completata solo più avanti.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento