Smaltimento illegale dei rifiuti, arrestati cinque imprenditori

PIANA DI LUCCA - Cinque imprenditori della Piana di Lucca sono finiti agli arresti domiciliari nell'ambito di un'inchiesta sullo smaltimento illegale dei rifiuti. Si tratta di Mariano e Martino Fornaciari, 64 e 32 anni, titolari della ditta 3F Ecologia; Felicino e Federico Del Carlo, 50 e 26 anni, titolari della DC Green ed Alessando Salutini, legale rappresentante della stessa ditta.

-

PIANA DI LUCCA – Cinque imprenditori della Piana di Lucca sono finiti agli arresti domiciliari nell’ambito di un’inchiesta sullo smaltimento illegale dei rifiuti. Si tratta di Mariano e Martino Fornaciari, 64 e 32 anni, titolari della ditta 3F Ecologia; Felicino e Federico Del Carlo, 50 e 26 anni, titolari della DC Green ed Alessando Salutini, legale rappresentante della stessa ditta.
Due i filoni di indagine seguiti dalla Direzione distrettuale antimafia e dalla Guardia di Finanza. Il primo è quello dei prodotti reflui provenienti dai depuratori di fanghi industriali: 45.000 tonnellate sarebbero state sversate in terreni agricoli su cui poi veniva coltivato prevalentemente grano nelle zone di Peccioli e Palaia, in provincia di Pisa, e Montaione in provincia di Firenze. In questo ramo dell’inchiesta risultano indagati anche i legali rappresentanti di Gaia, Geal e Sea, gestori dei depuratori.

Il secondo filone, non meno importante, è quello dell’illecito smaltimento di 36mila tonnellate di rifiuti provenienti dalla lavorazione del ciclo della carta, tra il 2013 e il 2914. Qui l’inchiesta ha coinvolto anche due importanti cartiere lucchesi, la Pieretti di Marlia e la Lucart – Cartiera Lucchese di Porcari.
Per quattro persone, tra cui il titolare della Pieretti e il responsabile smaltimento rifiuti della Lucart, la procura ha disposto l’interdizione dall’esercizio di impresa. I rifiuti, che secondo l’inchiesta potrebbero aver contenuto anche sostanze tossiche, sarebbero stati trattati in parte anche nell’impianto di bricchettaggio di Gallicano.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.