Del Grande, oggi Gabriele incontrerà una delegazione italiana

LUCCA - Venerdì mattina Gabriele Del Grande potrà incontrare una delegazione dell'ambasciata italiana. E' questa la buona notizia dell'undicesimo giorno di detenzione in Turchia del giornalista e documentarista lucchese.

-

 

L’importante novità è arrivata dall’ambasciata di Ankara a cui non più tardi di mercoledì era stata negata la possibilità di incontrarlo nel centro di detenzione amministrativa a Mugla, dov’è stato trasferito in seguito al fermo avvenuto il 9 aprile nella regione di Hatay, al confine con la Siria. Gabriele sta bene, hanno assicurato le autorità turche, ma sui tempi del rilascio non ci sono ancora certezze.

Nel frattempo, continua la mobilitazione nazionale. Dopo quello di Lucca, cortei e presidi sono in programma in queste ore in tutta Italia. Il sindaco di Porcari, Alberto Baccini, ha organizzato un presidio per le ore 11 di sabato in Piazza Felice Orsi, proprio di fronte al palazzo comunale dove è stato affisso uno striscione con la scritta “Gabriele ti aspettiamo! La comunità di Porcari.”

Un altro segnale di vicinanza a Gabriele e alla sua famiglia che segue con apprensione l’evolversi della vicenda. La compagna Alexandra, che si trova ad Atene, ha annunciato lo sciopero della fame, il padre Massimo segue minuto dopo minuto la situazione dal ristorante di famiglia, sulle colline di Pescia, e mentre il telefono continua a suonare trova il tempo per parlare con orgoglio di suo figlio.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento