E’ un cliente che voleva fare sesso l’aggressore del centro massaggi

LUCCA - Sarebbe un ingegnere di 32 anni di Capannori, un insospettabile, l'autore dell'aggressione avvenuta nel tardo pomeriggio di giovedì al centro massaggi di viale Castracani. L'uomo è stato arrestato dalla polizia in serata, grazie alle testimonianze e agli elementi raccolti sul luogo.

-

 

Secondo quanto accertato dalla Squadra Mobile e dalle Volanti, non si è trattata di una rapina vera e propria. Questa la ricostruzione del fatto avvenuto intorno alle 19. L’uomo si è presentato nel negozio e dopo un massaggio ha preteso una prestazione sessuale dalla titolare del centro, una donna cinese. Al suo rifiuto è andato su tutte le furie, prima colpendola con un oggetto di ferro poi minacciandola con una pistola. Prima di uscire ha arraffato il telefonino della signora per non permetterle di dare l’allarme, ma le urla della donna hanno richiamato due residenti. Nella fuga il 32enne ha minacciato anche loro con la pistola (che ancora non è stata recuperata e che dunque gli inquirenti non sanno se essere vera o giocattolo). Le testimonianze e la fuga sulla propria auto, hanno permesso alla polizia di individuare l’uomo nel giro di pochi minuti. L’ingegnere ha negato ogni addebito, ma al momento le accuse nei suoi confronti sono gravi: rapina aggravata e tentata violenza sessuale.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.