Ipotesi di girone; Granducato Toscana a forza dieci e le altre

CALCIO LEGA PRO - Sono giorni roventi di mercato ma anche di ipotesi relative ai gironi del prossimo campionato di Lega Pro che dovrebbe tornare a chiamarsi serie C. Di congetture se ne fanno parecchie. Ci proviamo anche noi con quello che al momento ci pare il raggruppamento più plausibile.

-

Giornate afose, calde, a tratti torride. Di mercato finora (e chissà) non succede granchè e allora sotto gli ombrelloni o chissà dove si può andare anche di fantasia ricordando le recenti emozioni regalate dalla Lucchese che altre ne possano arrivare in futuro. Proviamo allora a disegnare un ipotetico girone per il prossimo campionato 2017/2018. Lo facciamo o perlomeno ci proviamo, tenendo conto dei criteri utilizzati dalla Lega Pro lo scorso anno. Ah, siamo in attesa di capire se alla fine dovremo riabituarci, e la cosa non dispiacerebbe, a chiamare questi tornei con la vecchia denominazione di serie C. Il girone A dovrebbe essere una sorta di feudo toscano con ben dieci squadre del Granducato: Arezzo, Carrarese, Livorno, Lucchese, Pistoiese, Pontedera, Prato e Siena cui si aggiungerebbero il Pisa, retrocesso dalla Serie B e il neopromosso Gavorrano vincitore del Girone E della Serie D. A queste andrebbero aggiunte (usiamo il condizionale) le due formazioni emiliane Pro Piacenza e Piacenza e la Viterbese espressione del calcio laziale. E siamo a 13, ne mancano ancora sette. Dalla Sardegna, insieme all’Olbia, si dovrebbe aggregare la neo promossa Arzachena mentre della pattuglia del nord rimarrebbero Renate, Como e Giana Erminio dalla Lombardia e Alessandria dal Piemonte. L’ultimo posto sarebbe occupato da Monza o Cuneo. Un’altra ipotesi plausibile potrebbe vedere l’inserimento sia di Monza che Cuneo, con la Viterbese spostata nel girone C.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.