KME: dati positivi nei primi sei mesi 2017

BARGA - I dati dei primi sei mesi del 2017 sono positivi, addirittura migliori del budget sia in termini di fatturato che di solidità degli ordini. Per settembre 2018 l'obiettivo è quello di riassorbire tutti i dipendenti nella produzione. Buone notizie in casa Kme.

-

 

Le novità sono emersa nel corso del periodico tavolo istituzionale convocato dalla Provincia a Palazzo Ducale. Tavolo, presieduto dal consigliere con delega alle vertenze sindacali Nicola Boggi, a cui hanno preso parte parlamentari, consiglieri regionali e istituzioni locali, i sindacati e l’amministratore delegato di KMEItaly Claudio Pinassi.

Proprio lui, sulla base dell’invito del senatore Andrea Marcucci,, ha annunciato che entro la fine dell’anno l’aienda presenterà un Piano industriale di rilancio basato su un ulteriore rafforzamento del core business; un ritorno ad attività di ricerca e sviluppo e un miglioramento del risparmio energetico. Su questo fronte Pinassi ha confermato l’interesse a realizzare un impianto che autogeneri energia elettrica: alcune ipotesi, come lo sfruttamento idrico di polle o soluzioni geotermiche, sono ancora allo studio, così come quella della pirogassificazione di residui industriali (pulper) prodotti nell’area.

A breve termine rimane il tema dei 92 lavoratori tuttora sostenuti dagli ammortizzatori sociali, ma entro settembre 2018, quando il sostegno terminerà, la Kme dovrebbe essere in grado di riassorbirli a pieno regime nella produzione.

In conclusione il consigliere delegato Boggi ha annunciato che il Tavolo istituzionale tornerà a riunirsi tra settembre e ottobre.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento