Tassignano, torna alla luce un piccolo bagno termale di epoca romana

CAPANNORI - Un piccolo impianto termale di epoca romana. E' questa la suggestiva scoperta scaturita al termine degli scavi al sito archeologico Domus Aemilia di Tassignano.

-

I risultati delle ricerche sono stai illustrati da Giulio Ciampoltrini, archeologo responsabile della zona archeologica di Lucca e Alessandro Giannoni, direttore scientifico degli scavi.

Con loro il vicesindaco di Capannori Silvia Amadei, che ha la delega alla cultura e Mauro Lazzaroni, presidente del Gruppo Archeologico Capannorese. E c’erano anche i giovanissimi archeologi della scuola primaria di Lunata, che hanno partecipato ai lavori tramite un corso estivo.

Dicevamo del piccolo impianto termale, il “balneum”, a servizio di una dimora privata, il primo del genere scoperto sul territorio capannorese. Non c’è ancora la certezza completa che si tratti proprio di questo ma i dubbi sono pochi. Caratteristico di questo tipo di ambienti è infatti il pavimento in piccoli cubetti laterizi, che portava agli spogliatoi e poi alla vasca vera e propria, venuta alla luce sul lato sud. Presumibilmente l’acqua veniva scaldata da un forno adiacente.

Insomma, quello della Domus Aemilia, è un bagno termale in versione semplificata, adeguato ad un contesto rurale come quello di Tassignano. Scoperta che suscita interesse perchè fin’ora non erano emerse strutture di questo tipo nella Piana.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento