Di nuovo la maxi-discarica accanto al cimitero di S.Anna

LUCCA - Sistema ambiente aveva ripulito l'area lo scorso maggio. Ma in meno di tre mesi sul lato nord del cimitero di Sant'Anna c'è di nuovo una vergognosa discarica, con odori e sporco che arrivano fino all'area cimiteriale.

- 2

Il piazzale è nascosto alla vista di chi transita su via delle Tagliate ma alcuni cittadini hanno segnalato la cosa su Facebook e sul posto il giorno dopo è arrivata per accertamenti la Polizia Municipale di Lucca, insieme a personale della società dei rifiuti.

Nella discarica c’è di tutto. La carcassa di una Fiat, estintori, indumenti da cuoco e chili e chili di ogni genere di rifiuti. C’è anche un bel cumulo di eternit con lastre spezzate e quindi potenzialmente pericolose.

Infine, dietro agli alberi la strada è stata trasformata in una latrina a cielo aperto che rende il luogo infrequentabile anche a causa delle temperature di questi giorni.

Chi è il responsabile di questa ennesima situazione di degrado? I sospetti di molti si appuntano sugli abitanti dell’adiacente campo rom e sinti ma c’è anche la quasi certezza che ci sia qualcun altro, privati o aziende, che approfitta della situazione per smaltire qui i propri rifiuti abusivamente.

L’augurio è che si faccia luce al più presto sulle responsabilità per porre termine ad una situazione che si trascina da anni.

Commenti

2


  1. Come mai su articoli in cui si parla di extracomunitari e zingari che rovinano le nostre zone non si vedono mai dei commenti scritti?? Non che la redazione quando si tratta certi temi cancella tutti i commenti di chi legge e commenta??


    • caro Graziano siamo al ridicolo,,, noi paghiamo la tassa sulla spazzatura , ci hanno costretto a avere delle piccole discariche in casa con la scusa del porta a porta,,,,, poi se ti vedono buttare una cicca per terra ti vorrebbero fare anche la multa ,,, ma certi personaggi possono fare tanto se ti muovi sei RAZZISTA ,,,, quello che vogliono,,,, ma finchè con una ruspa di notte non fanno tavola rasa,,, la cosa non cambierà

Lascia un commento