L’idea di Capannori: cena in famiglia con un richiedente asilo

CAPANNORI - La vera integrazione può nascere intorno ad una tavola imbandita. Questo il senso dell'iniziativa lanciata dal Comune di Capannori, dal titolo, appunto, "Aggiungi un posto a tavola", attraverso la quale, le famiglie possono invitare a cena un richiedente asilo.

- 1

Le cene, suggerisce il Comune, possono svolgersi in famiglia ma anche nella comunità più allargata delle corti, realtà tipiche del territorio capannorese. Promosso dal Comune di Capannori in collaborazione con la cooperativa sociale Odissea e l’Osservatorio per la pace il progetto vuole dare alle famiglie e ai richiedenti asilo, accompagnati da un operatore della cooperativa o dell’osservatorio, un’occasione per conoscersi e per scambiarsi in un clima conviviale racconti ed esperienze, per scoprire ciò che li accomuna e ciò che li rende unici. Le cene possono svolgersi in famiglia ma anche nella comunità più allargata delle corti, realtà tipiche del territorio capannorese.L’assessore alle politiche alla comunità Francesco Cecchetti ha sottolineato che l’iniziativa non ha nessun costo per il Comune e non comporta nessun obbligo per i cittadini e che in Comune in poche ore sono già arrivate molte richieste.

Commenti

1


  1. Bella questa IDEONA…io direi che per primo deve cominciare il sindaco con tutti i suoi assessori poi a seguire tutti quelli che l’hanno votato…si potrebbe iniziare con l’invito del richiedente asilo che hanno arrestato ieri a Viareggio x le molestie fatte su un BAMBINO DI 5-6 ANNI potrebbe essere un buon inizio

Lascia un commento