30 milioni per la filiera agroalimentare

LUCCA - Promuovere e far conoscere la grande chance da 30 milioni di euro che si apre per il settore agroalimentare toscano: è questa la finalità dell'incontro pubblico che si è tenuto nella sala Tobino di Palazzo Ducale per pubblicizzare e far conoscere i contenuti del nuovo bando PIF, Progetti Integrati di Filiera.

-

 

Le risorse del bando, saranno a disposizione dei vari attori del sistema agroalimentare (agricoltori, imprese di trasformazione e commercializzazione) capaci di aggregarsi per superare le principali criticità della filiera stessa, per favorire i processi di riorganizzazione e consolidamento e produrre azioni di rilancio.

 

La domanda PIF deve essere presentata entro le ore 13.00 di venerdì 10 novembre 2017. Per ciascun progetto di filiera il numero minimo di soggetti partecipanti è 12. L’importo minimo di contributo complessivo ammissibile per ciascun PIF deve essere pari o superiore a 150.000 euro. Il massimo di contributo concedibile per l’intero progetto PIF è pari a 2.250.000 euro.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento