Due Valli e …tre assi; Ucci ci crede; atto conclusivo del CIR a Verona

MOTORI - Si disputa nel fine settmana il 35° rally Due Valli, ottava ed ultima prova del campionato italiano rally 2017. Paolo Andreucci difende un minimo vantaggio su Campedelli e Scandola, gli altri due candidati alla conquista del titolo tricolore. Nella R1 ci prova anche il barghigiano Stefano Martinelli. Il via venerdì sera da Verona per un totale di due tappe e 16 PS.

-

 

La classifica dice: Andreucci 84,5, ma con un eventuale scarto di 3 punti, Campedelli 76, Scandola 71 senza alcun scarto. E tutto questo quandi ormai mancano poche ore al 35° rally Due Valli, ottava ed ultima prova del CIR 2017. E’ l’ultimo atto stagionale di un campionato incerto e ricco di colpi di scena fino all’ultimo chilometro dell’ultima prova. Dunque Ucci è ancora in testa ma il suo vantaggio è ormai risicatissimo tanto che stavolta il pilota garfagnino non potrà fare calcoli. Sulle strade venete ci sarà solo da andare forte, più forte dei due giovani e agguerriti rivali. Il problema è che, al di là dell’indiscutibile classe che accompagna il nove volte campione italiano, la Peugeot 208 ha mostrato più volte la corda o perlomeno di essere meno performante rispetto a Ford e Skoda. E forse non è un caso che alcuni rumors di mercato parlino di un Andreucci in orbita Skoda o Citroen. Ma questo lo vedremo solo nei prossimi mesi. Intanto c’è un Due Valli da correre col fiato sospeso anche perchè mentre Campedelli è a caccia del primo scudetto e Scandola del secondo per Ucci si tratterebbe addirittura del decimo alloro che significherebbe entrare definitivamente nella leggenda  di questo sport. Due tappe e 16 PS a caratterizzare la bella corsa scaligera dove saranno in gara anche altri equipaggi lucchesi. Citiamo Luca Panzani e Gianandrea Panzani per arrivare fino a Stefano Martinelli che oppure si gioca qualcosa di importante come il titolo nella classe R1. Insomma, il rallismo lucchese potrebbe tornare trionfante da Verona. Almeno è quanto ci auguriamo.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento