Lucchese, ora è davvero crisi; ceduto il difensore Maini al Santarcangelo

CALCIO C - Rossoneri al lavoro per preparare con cura il delicatissimo derby di venerdì sera contro l'Arezzo. La bruciante sconfitta di Monza ha confermato tutte le difficoltà del momento della Lucchese. Due punti nelle ultime sei giornate la dicono lunga sulla crisi di Nolè & C. Urgono rinforzi dal mercato, soprattutto a centrocampo.

-

Prendere gol così e perdere poi la partita per un clamoroso svarione difensivo fa male. Tanto male. Al Brianteo di Monza la Lucchese rimedia l’ennesimo risultato negativo di una striscia che ora comincia ad assumere i nitidi contorni di una crisi prima strisciante ed ora palese. Evidente. Due pareggi e quattro sconfitte nelle ultime sei giornate sono un biglietto da visita eloquente di una squadra che si è perduta a dicembre e che non si è ritrovata a gennaio. Ne ha sofferto parecchio la classifica che da quasi esaltante un paio di mesi fa ora è diventata una sorta di incubo. Lucchese In piena zona retrocessione servono risultati e punti per risollevarsi. Ma è sul piano del gioco che la squadra di Lopez pare essersi pericolosamente involuta. Anche a Monza il primo tempo è stato giocato in modo pessimo. In tal senso le ultime ore di mercato potrebbero dare sollievo al tecnico rossonero soprattutto a centrocampo dove le scelte rimangono poche e la qualità complessiva andrebbe elevata. Insomma, fase stagionale molto delicata e pericolosa. Venerdì sera arriva l’Arezzo nell’anticipo della 24esima giornata. Confortiamoci, anche questo può aiutare, con le immagini del match di andata quando i rossoneri espugnarono il campo aretino grazie a questa rete di Del Sante. Fu l’inizio di un bel periodo, il migliore, prima dell’arrivo della crisi suddetta. Tra l’atro nelle ultime stagioni l’Arezzo è uscito spesso imbattuto dal Porta Elisa anche se la formazione aretina non sta attraversando un periodo facile, anche a livello societario. In soldoni si profila un derby tra due squadre in evidente difficoltà. Per la serie: guai ai vinti.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.