L’ultima volta che la Lucchese battè l’Arezzo con Giglio e Masini

CALCIO C - Era il 5 novembre 2007, di lunedì, e i rossoneri s'imposero 3 a 1 con doppietta di Giglio e Masini. Intanto la Lucchese prosegue la preparazione in vista della sfida di venerdì sera, anticipo della 24esima giornata. Gara delicatissima vista anche la preoccupante striscia negativa e una classifica sempre più critica.

-

Settimana corta per la Lucchese visto che i rossoneri saranno in campo già venerdì sera (ore 20,45) nell’anticipo della 24esima giornata. Al Porta Elisa sale un Arezzo a sua volta non troppo tranquillo, anche per le recenti vicende societarie, tanto che si può parlare tranquillamente di un derby tra due squadre in…crisi. La Lucchese si è complicata e non poco la vita con una striscia di risultati, o meglio di  non risultati, davvero agghiacciante: due punti nelle ultime sei giornate la dicono lunga sull’andazzo dei rossoneri piombati in un tunnel dal quale sarebbe opportuno uscire al più presto. Anche a Monza la squadra di Lopez ha mostrato la corda e tutte le difficoltà del momento. Chiaro che al cospetto degli amaranto aretini qualcosa dovrà pur cambiare: nell’approccio alla partita ma anche negli uomini. Tra le certezze il rientro in mediana di Arrigoni, la cui assenza al Brianteo si è fatta sentire. In attacco spazio dal primo minuto a Irakli Shekiladze sperando che il georgiano sappia dare all’anemico attacco rossonero brio, velocità e imprevedibilità che spesso fanno la differenza. Nella conferenza stampa di vigilia ne sapremo di più sull’undici che vedremo all’opera venerdì sera. Intanto dal pallone racconta, e quasi a voler esorcizzare questa fase durissima di campionato, andiamo a ritroso nel tempo, di oltre 10 anni. Era lunedì 5 novembre 2007 e al Porta Elisa la Lucchese, quella Luchese, battè per l’ultima volta l’Arezzo in casa. Finì 3 a 1  con doppietta di Giglio e rete di Masini, lucchese doc. Per gli ospiti segnò l’albanese Florian Myrtaj. Da allora anche nelle ultime stagioni Arezzo imbattuto a Lucca, anche con partite spesso spettacolari. Stavolta spettacolo o non spettacolo, la Pantera deve tornare a ruggire, ma soprattutto a vincere.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.