Aspettando la fase ad orologio Le Mura affronta la fortissima Reyer Venezia

BASKET A1 DONNE - Dopo la parentesi dedicata alla Nazionale, dove Crippa e Nicolodi si sono ben comportate, il Gesam Le Mura si rituffa in campionato per l'ultima giornata della regular-season. Poi da marzo sarà già fase ad orologio. Al Palatagliate la squadra di coach Serventi attende la visita dello squadrone veneto che occupa il secondo posto in classifica. All'andata Lucca si fece beffare al supplementare.

-

 

E’ l’ultimo atto della cosiddetta regular-season, vogliamo chiamarla stagione regolare ? L’impegno e l’avversario sono di primissimo livello visto che al Palatagliate (domenica ore 18) calerà la Reyer Venezia, seconda in classifica alle spalle dell’imprendibile Schio. Rinfrancato dal successo pre-sosta di San Martino di Lupari, il Gesam Le Mura si accinge a vedersela contro un avversario molto forte, ma non imbattibile. Vincere per conservare il quarto posto capendo bene se alla fine in vista della fase ad orologio il successo è davvero il risultato ottimale. Ma questi sono calcoli che si fanno a tavolino e che sul campo dovrebbero invece sfuggire alla mente delle biancorosse. Tra l’altro due elementi, Crippa e Nicolodi, tornano ringalluzzite anche dalle buone prove fornite in azzurro, così come del resto le altre nazionali: la svedese Drammeh e l’ucraina Udodenko. La fase ad orologio caratterizzerà il mese di marzo e sarà costituita da altre quattro partitre. Due in casa da giocare contro le squadre che stanno dietro in classifica e due in trasferta contro compagini che invece sono davanti in graduatoria. Al momento, ipotizzando di battere Venezia, Lucca affronterebbe Napoli e San Martino di Lupari in casa, Ragusa e Venezia fuori. Altrimenti, e la prospettiva parrebbe più agevole: San Martino e Broni in casa, Ragusa e Napoli fuori. Un altro mese di battaglie sul parquet che serviranno a definire la griglia dei playoff. Chiaro che conterà entrarci nella migliore posizione possibile anche per evitare di incrociare in semifinale Schio, l’unico interlocutore che pare davvero fuori portatta anche della squadra campione d’Italia.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.