Gelo e (forse) neve in Versilia: pronta la macchina della Protezione Civile

VERSILIA - Arriva Burian, l'ondata di freddo siberiano che nelle prossime ore invaderà l'Italia, senza risparmiare la Toscana. In Versilia si spera nel consueto effetto-barriera delle Alpi Apuane e nella mitigazione ad opera dell'aria di mare.

-

La Regione Toscana ha emesso un’allerta meteo codice giallo per neve, dalla mezzanotte di sabato alla mezzanotte di domenica. E per vento, specie sui settori centrali, accompagnato da mare molto mosso. Le temperature andranno in picchiata da domenica a giovedì, con le minime che anche sulla piana versiliese arriveranno fino a meno 7 gradi. Il peggio lunedì quando la colonnina di mercurio risalirà a stento sopra lo zero nei valori massimi. Per domenica nel primo pomeriggio è previsto anche sulla costa qualche fiocco di neve.

Gli enti locali sono già corsi al riparo. A Pietrasanta la Protezione Civile ha prediposto un’area al Portone dove, in caso di chiusura della rete autostradale e dei maggiori assi viari, sarannò parcheggiati i mezzi pesanti in circolazione. Stessa cosa a Massarosa, dove il Comune ha individuato il parcheggio della Conad all’uscita dell’autostrada. A Forte dei Marmi è stata estesa fino al 1° marzo l’accensione dei riscaldamenti oltre il limite giornaliero delle 12 ore, previsto per legge. Nelle scuole i termosifoni saranno attivati in anticipo e rimarranno accesi più a lungo, per tenere gli studenti al caldo al rientro lunedì mattina.

Il peggio sarà per chi risiede in Alta Versilia, Garfagnana o Lunigiana dopo sono previste temperature minime fino a -10. Gaia invita chi avesse contatori dell’acqua all’aperto a proteggerli con materiali isolanti specifici, come polistirolo e puliuretano espanso. Niente stracci, perchè assorbono l’acqua che, congelandosi, potrebbe peggiorare la situazione.

Per chi si mette in viaggio, ricordiamo che vige sempre l’obbligo di pneumatici invernali o catene a bordo. E ovviamente la massima prudenza, in caso di neve, nevischio o ghiaccio.

 

 

 

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.