E’ l’ora della verità per il Gesam Le Mura; Coppa Italia e fase ad orologio

BASKET A1 DONNE - Nel fine settimana il Gesam Le Mura Lucca sarà impegnato nella final four di Coppa Italia. Sabato (ore 18,15) al Palacima di Alessandria le biancorosse di coach Serventi se la vedranno in semifinale contro la Reyer Venezia affrontata pochi giorni fa al Palatagliate. A marzo le quattro partite della fase ad orologio che definiranno la poule-scudetto.

-

Dicono che la storia si ripete e che spesso è…ciclica. Beh in qualche modo è così anche nel basket. Prendete il caso del Gesam Le Mura campione d’Italia che ha finito non benissimo la regular season perdendo nettamente in casa contro la Reyer Umana Venezia dell’ex-Maia Ruzickova. Ebbene, proprio le lagunari saranno le avversarie di Crippa & C. nella semifinale della final four di Coppa Italia che si disputerà nel week end ad Alessandria. Al Palacima Lucca e Venezia daranno infatti vita alla prima semifinale in programma alle ore 18,15 per accedere alla finale del giorno successivo alle 20. Chissà che stavolta dopo le due sconfitte patite in campionato la squadra di Serventi non sappia invertire il trend stagionale che l’aveva vista battuta anche sul parquet delle lagunari dopo un supplementare e una partita getta al vento. Rientrerà la svedese Drammeh, assente domenica scorsa, e questo può rendere il match più equilibrato. Nell’altra semifinale (ore 20,30) saranno di fronte Schio, nettamente favorito, e S.Martino di Lupari. Archiviata la final four di Coppa Italia il mese di marzo sarà invece dedicato alla novità della fase ad orologio, una sorta di mini campionato aggiuntivo voluto anche per ovviare ad un torneo ridotto a sole dieci squadre. Definito il calendario che prevede quattro partite che appunto stilerano l’ordine esatto di classifica per la poule-scudetto. Lucca ripartirà dal quinto posto e dovrà vedersela nell’ordine con Ragusa fuori, San Martino di Lupari e Broni in casa e Napoli ancora in trasferta. Ruolino di marcia piuttosto nsidioso con la prospettiva possibilmente di evitare il quarto o quinto posto anche per non incappare poi nello Schio. Vero altresì che quest’anno per la squadra campione d’Italia era un pò l’anno zero e già una semifinale-scudetto sarebbe comunque un ottimo risultato. La storia si ripete, i miracoli anche quelli sportivi un pò meno….

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.