Neve, traffico scorrevole ma numerosi treni cancellati

PROVINCIA DI LUCCA - Traffico scorrevole sulla quasi totalità della rete stradale provinciale, grazie anche alla chiusura delle scuole e all'ordinanza di blocco del trasporto pesante. Forti disagi per gli spostamenti in treno, con circa il 60% delle corse delle tratte per Firenze, Pisa e Viareggio cancellate.

-

Il largo anticipo con cui era stata preannunciata la perturbazione che ha portato alle nevicate della notte di mercoledì e la decisione dei comuni di tenere chiuse le scuole sono stati due degli elementi che hanno contribuito a ridurre al minimo i disagi per la circolazione sulle strade di Lucca e Piana. Fondamentale è stato anche lo spargimento di sale nella quasi totalità della viabilità principale e, in alcuni casi, l’impiego dei mezzi spalaneve della Provincia, che hanno mantenuto una più che accettabile pulizia dei manti stradali. Durante tutta la prima parte della giornata si sono registrati pochissimi incidenti, per lo più auto o autocarri usciti di carreggiata a causa degli accumuli di neve ai lati delle strade. A contribuire allo scorrimento del traffico anche il blocco dei mezzi pesanti dalle 22 di mercoledì sera. Provvedimento che però ha creato non pochi problemi agli stessi autotrasportatori, dato che anche le autostrade hanno attivato il blocco del traffico, con i caselli presidiati da carabinieri e polizia municipale, che invitavano i camionisti a fermarsi in attesa della fine delle restrizioni. E così si sono formate lunghe file di autotreni in corrispondenza degli ingressi autostradali con gli autisti, in molti casi stranieri, in attesa di poter riprendere il viaggio. Ma i disagi più grossi li hanno registrati i pendolari che si dovevano spostare in treno, con quasi il 60% delle corse sulle tratte Viareggio – Firenze e Pisa – Lucca – Aulla cancellate o con forti ritardi. Una situazione annunciata da RFI già nella giornata di ieri ma che non ha mancato di scatenare polemiche anche a livello politico.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.