Due colpi importanti per la Nottolini che pensa al campionato di B1

PALLAVOLO B1 - Dopo la fantastica stagione conclusa con la vittoria del campionato e la finale di Coppa Italia la Nottolini Capannori prepara il prossimo campionato. Dopo la conferma di coach Sandro Becheroni si pensa a rinforzare la squadra per un campionato da protagonista anche in categoria superiore.

-

 

Una stagione favolosa che nessuno potrà facilmente dimenticare arichiviata con la vittoria in campionato e una finale di Coppa Italia giocata in casa, al Palatagliate, con ardore e spirito battagliero anche se l’esito non è stato quello auspicato e… auspicabile. Ma va bene lo stesso. Un 2017/2018 che alla Nottolini nessuno dimenticherà tanto facilmente. Ma siccome non si vive di soli ricordi la società del presidente Paolo Gradi guarda avanti, alla prossima stagione che la vedrà ai nastri di partenza del campionato di B1. Lavoro alacre e duro per il DS Oronzo Miccoli che vuol mettere a disposizione del riconfermato coach Sandro “Ferguson” Becheroni, una istituzione a Capannori, un roster solido e forte in grado di ben figurare anche in categoria superiore. Detto che l’obiettivo primario sarà la salvezza la Nottolini che verrà vuole però togliersi anche qualche soddisfazione ed essere a modo suo anche protagonista, magari una sorta di mina vagante. Confermato lo zoccolo duro di una squadra che ha dominato in B2 sono state perfezionate due importanti operazioni di mercato. Presa la schiacciatrice Giada Becucci proveniente dal Quarrata in B1 e dunque elemento come suol dirsi di categoria che va a completare il parco attaccanti. Altro arrivo di rilievo è quello di Sofia Migliorini, palleggiatrice prelevata dal San Michele Firenze che affiancherà la riconfermata Bresciani. Ma incombono altri colpi: un terzo centro da affiancare alla Magnelli e alla Mutti ed un libero alter ego di Ilaria Miccoli. Insomma quasi un doppione in ogni ruolo. Infine ancora da verificare il girone in cui giocheranno le bianconere. Lo conoscereno solo verso metà luglio ma l’unica cosa certa pare che ci saranno molte compagini del Centro Italia.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.