Elettrodotto, Lucca e Vecchiano si opporranno al ricorso di Terna al Tar

LUCCA - Come annunciato nel corso dell'assemblea pubblica di Nozzano ad aprile, le amministrazioni comunali di Lucca e Vecchiano si costituiscono in giudizio contro il ricorso al Tar presentato da Terna.

- 1

Come annunciato nel corso dell’assemblea pubblica di Nozzano ad aprile, le amministrazioni comunali di Lucca e Vecchiano si costituiscono in giudizio contro il ricorso al Tar presentato da Terna per chiedere l’annullamento del parere tecnico istruttorio della
Direzione generale archeologia, belle arti e paesaggio del Mibact che, in sostanza, ha espresso parere contrario nei confronti della ipotesi cosiddetta B1 per il riassetto dell’elettrodotto nell’area di Lucca.
I due Comuni confermano la posizione già espressa in più occasioni nel corso di questa lunga vicenda: l’assoluta contrarietà a tutte e 4 le ipotesi progettuali proposte da Terna per il riassetto della linea, compresa l’ipotesi B1 che ha ottenuto il parere positivo da parte
della commissione tecnica per la Via (Valutazione di impatto ambientale) del Ministero per l’ambiente, ma che ha invece avuto il diniego tecnico da parte del Ministrero dei beni e delle attività culturali. Tutte le soluzioni prospettate da Terna contrastano infatti con il Piano
di indirizzo territoriale della Regione e sono state bocciate dalle commissioni comunali per il paesaggio.

Commenti

1


  1. Io….. tornerei alle candele….. per risolvere alla radice il problema….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.