Scuole Frediani chiuse: protesta in strada dei genitori

SERAVEZZA - Vogliono che le scuole elementari restino nel capoluogo seravezzino. Per questo stamani hanno manifestato davanti al Comune alcune famiglie dei 71 ragazzi iscritti alla primaria Frediani, chiusa dal sindaco perchè risultata non a norma in materia di stabilità antisismica.

- 1

I genitori e gli insegnanti non vogliono il trasferimento, individuato dall’amministrazione comunale, alle elementari di Ripa. Chiedono soluzioni alternative sempre nel capoluogo, che già negli anni scorsi ha visto chiudere le scuole medie e le primarie della montagna.

E’ stato lo stesso sindaco Riccardo Tarabella insieme al Presidente del Consiglio con delega all’istruzione Riccardo Biagi a ricevere il gruppo di famiglie e a ribadire che la scuola tra qualche anno tornerà nel capoluogo.

A sostenere la posizione delle famiglie le forze di opposizione, presenti al sit-in fuori dal municipio. La chiusura delle Frediani, inoltre, metterà in difficoltà anche i 400 studenti del vicino Istituto Alberghiero Marconi che non avranno più a disposizione la palestra delle primarie per fare educazione fisica.

 

Commenti

1


  1. La sicurezza dei fanciulli certo è la cosa più importante. E con questo bisogna considerare che quando si tolgono le scuole da un paese, il paese soffre in molti modi. Ci sono ripercussioni al paese. Seravezza è un grande centro per le arti, e sta diventando molto di più importante perché non è ancora affollato dai turisti, ma mantiene una certa privata dignità. Cerchiamo di fare sforzi per portare le scuole al più presto possibile. Capisco che l’intento del Signor Sindaco è di proteggere i nostri ragazzi. perciò collaboriamo con un atteggiamento di rispetto, di comprensione e cerchiamo di trovare modi di solvere questo problema che esiste. Cerchiamo di ascoltarci uno con l’altro ed arrivare ad una conclusione che darà speranza e confidenza che ci sarà una soluzione favorevole per tutti in un tempo giusto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.