Cattivi odori al Pollino: pressing del sindaco su Ersu e Gaia

PIETRASANTA - Pollino, una località invasa dai cattivi odori per la concentrazione di impianti. Dopo un'estate di lamentele di cittadini residenti e comitati, e una situazione aggravata anche dal drammatico incendio della Ferredil Cerù, il sindaco Alberto Giovannetti vuole sbloccare la situazione.

-

“Ersu deve mettere in atto tutti gli accorgimenti per abbattere i cattivi odori nella zona del Pollino Traversagna e soprattutto deve velocizzare le operazioni di pulizia nel piazzale per evitare che il verde resti per troppo tempo all’aria aperta”. Questa la richiesta del primo cittadino ad Ersu al termine di un incontro senza preavviso.

Dopo il sopralluogo all’impianto di Gaia Spa per il fenomeno del tanfo emanato dai fanghi stoccati all’esterno, Giovannetti, accompagnato dal Capo di Gabinetto Adamo Bernardi, ha effettuato un sopralluogo al centro raccolta del verde da più residenti indicato come una delle cause dei frequenti cattivi odori nella zona. Gli odori, in alcuni momenti della giornata, sono insopportabili.

“Sulla questione dei fanghi Gaia Spa ha quasi completato la copertura delle vasche di stoccaggio e ci ha assicurato che prenderà accorgimenti anche per l’impianto del depuratore.” Il tema dei fanghi è una emergenza nazionale: Gaia in data 4 settembre ha deliberato di affidare ad un impianto di trattamento lo smaltimento del fango: l’azienda sarà tra le prime a poter condurre in discarica i rifiuti, nel rispetto dell’ordinanza regionale.

“Anche Ersu deve andare in questa direzione che è quella di fare tutto il possibile per limitare ogni disagio o odore al Pollino. Abbiamo chiesto ad Ersu di velocizzare le azioni di sgombero del piazzale evitando quindi che il verde resti all’aria aperta e produca cattivi odori. Vediamo se queste azioni avranno gli effetti sperati. Il trasferimento dei due impianti di Colmate e Saponiera all’interno dell’impianto di Pioppogatto a Massarosa – conclude – è l’altro grande impegno che ci siamo presi con i cittadini”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.