Giornata di sensibilizzazione sul tema dell’uso delle armi

Si chiamava Paolo Iacconi, l'uomo che nel luglio 2010 uccise a colpi di pistola i suoi ex capi negli uffici della Gifas Electronic , a Pian del Quercione per poi togliersi la vita con lo stesso revolver. Era in possesso di un regolare porto d'armi nonostante fosse malato di depressione e per due volte ricoverato presso il centro di salute mentale di Pordenone da dove proveniva.

-

La mancata revoca di tale permesso, considerate le sue condizioni di salute mentale, fu oggetto di forti polemiche. In ricordo delle vittime alla Gifas, l’associazione OGNI VOLTA Onlus ha organizzato per sabato 15 settembre presso il museo della marineria “Disarmarte”, una giornata di sensibilizzazione e confronto sul tema dell’uso e abuso dei armi da fuoco. Tra gli ospiti qualificati anche il senatore viareggino 5 stelle Gianluca Ferrara

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.