Scatta il fermo pesca, niente pesce fresco per un mese: allarme di Coldiretti

VERSILIA - Con il 1° di ottobre è scattato in tutta la Toscana il consueto periodo di fermo pesca, che fino alla fine del mese imporrà ai pescherecci di rimanere in porto. Un provvedimento interessa 580 imbarcazioni toscane, che fatturano ogni anno 50 milioni di euro.

-

Il fermo, pensato per consentire il ripopolamento della fauna ittica, non piace alla Cittadella della Pesca di Viareggio – che aveva chiesto di anticipare la misura a metà settembre, ma soprattutto a Coldiretti che boccia completamente la norma, che di fatto porta per un mese sulle nostre tavole pesce congelato e straniero.

Coldiretti Pesca rilancia per il 2019 la proposta sin qui inascoltata, che punta a proteggere le zone di nursery durante tutto l’anno e non solo per un mese continuativo, dando alle Capitanerie il compito di controllare che le aree non vengano invase. Allo stesso tempo instituire un numero di giornate di pescalibera consentendo a ogni imprenditore di decidere quando andare a pescare.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.