Lucchese, ora si fa davvero dura; rossoneri sul fondo della classifica

CALCIO C - La sconfitta contro il Siena complica i piani di risalita della Lucchese. Partita rocambolesca quella contro la Robur. La squadra di Favarin regala i primi 20' poi rimonta ma sciupa un rigore fatale e viene punita. Domenica prossima delicatissima trasferta sul campo della Pro Patria.

-

Saranno gli episodi, sarà la sfortuna, sarà anche qualche errore di troppo ma fatto sta che la Lucchese si ritrova ultima e staccata sul fondo della classifica. E le altre, anche quelle su cui meno avresti puntato, continuano a fare punti. Insomma, il piatto piange e fa rabbia vedere una squadra come quella di Favarin, che di punti sul campo ne avrebbe comunque conquistati tanti da essere ancora al sesto posto, relegata in una situazione poco simpatica. Dopo il Pisa anche il Siena fa bottino ricco al Porta Elisa nel modo che ormai tutti sapete e in modo a dir poco rocambolesco. Ma il calcio è anche questo. Del resto se regali i primi venti minuti e ti trovi sotto di due reti e poi sul 2 a 2 a un quarto d’ora dalla fine sbagli il rigore che avrebbe potuto darti la vittoria, allora vuol dire che il destino te le scrivi anche da solo. A ciò aggiungiamo che nel freddo di un Porta Elisa tornato ai soliti mille e dintorni, ti si fa male anche il giocatore migliore che hai avuto in questo primo scorcio stagionale, Parliamo naturalmente di Lombardo che ne avrà per due-tre settimane. Piove sul bagnato per il povero Favarin che non sa più a che santo votarsi e che nelle ultime ore vede lo spettro che il Milan si riprenda Gabbia causa emergenza totale in difesa dei rossoneri milanesi. E all’orizzonte c’è la trasferta di Busto Arsizio contro la Pro Patria, formazione reduce dalla sconfitta di Piacenza con la Pro ma che di punti ne ha 13, ben otto in più dei rossoneri. Allo Speroni la Pantera dovrà raccogliere punti. Vero che il campionato è ancora lunghissimo ma la sensazione è che al di là dei complimenti il torneo si stia complicando. E non poco.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.