Antiterrorismo: algerino residente a Viareggio espulso

VIAREGGIO - E' stato espulso dall'Italia un 42enne algerino, residente a Viareggio, con numerosi precedenti alle spalle per droga, violenza, rapine e furti, e ritenuto un soggetto a rischio radicalizzazione religiosa e dunque pericoloso.

-

Grazie al ritrovamento di una patente di guida algerina intestata all’uomo, gli agenti del Commissariato di Viareggio, della Digos e dell’Ufficio Immigrazione sono riusciti a ottenere il rimpatrio del nordafricano, consegnandolo alle forze dell’ordine di Algeri.

Un’espulsione di tipo amministrativo – fanno sapere dalla Questura di Lucca – dovuta alla mancanza di requisiti per il soggiorno in Italia.

Ma l’uomo, già incarcerato a Lucca a San Giorgio per vari reati, aveva mostrato nel penitenziario comportamenti ostili alle istituzioni italiane e tendenze aggressive. Tanto da essere catalogato come soggetto pericoloso.

“Un risultato frutto dell’intensa attività di prevenzione in ambito terroristico che vede la collaborazione tra tra Polizia di Stato e la polizia penitenziaria che monitora i soggetti a rischio radicalizzazione in carcere” – ha commentato il Commissario capo della Questura di Lucca Fabio Scalisi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.