Lucchese-Olbia finisce 1-1; De Feo acciuffa il pareggio al 95esimo

CALCIO C - Prova scialba dei rossoneri che reagiscono solo nel concitato finale. Sardi in vantaggio nel primo tempo con Ragaztu. Il solito De Feo, alla settima rete stagionale, trova il gol che evita la sconfitta al 95esimo, in pieno recupero. Passo indietro della squadra (foto Gazzetta Lucchese) di Favarin sul piano del gioco. E la classifica resta precaria.

-

Giornata grigia, quasi uggiosa sul Porta Elisa. E fa anche abbastanza freddo. Tocca alla Lucchese scaldare il suoi pubblico al cospetto dell’Olbia salito a Lucca con la voglia di strappare punti. Favarin, ex di giornata avendo allenato l’Olbia nel 2002/2003, conferma lo schieramento-tipo con l’unica variante forzata di Zanini al posto dell’infortunato Lombardo. Avvio guardingo da ambo le parti per una lunga, persino troppo, fase di studio. Lucchese meno sciolta  e brillante di altre volte. La prima occasione al 20esimo è degli ospiti con Vallocchia che lascia partire un destro potente ma Falcone respinge coi piedi. Suona il primo campanello d’allarme. Poco dopo la mezz’ora Olbia in vantaggio. Corre il 32esimo. Ragatzu scambia con Ogunseye: l’attaccante di Quartu calcia da fuori con un tiro che, per la verità, non sembra irresistibile, tanto che Falcone resta impietrito a guardare la palla che prima trova l’interno del palo e poi finisce in rete. Sesta rete stagionale per il centravanti dell’Olbia. Ora la Lucchese dovrebbe reagire, anzi deve reagire. Ma sono i sardi padroni del campo a sciupare il raddoppio con Ceter che fa tutto benissimo in contropiede e poi attende un istante di troppo per “uccellare” Falcone che salva lo 0 a 2. Finalmente la Lucchese si scuote grazie ad un buon Provenzano e sale a pieno organico nella metà campo sarda. Ci vuole un secondo tempo diverso per rimettere a posto le cose. La manovra dei rossoneri però è lenta e prevedibile. Dov’è la bella Lucchese di qualche settimana fa ? Falcone rischia la frittata ma Ogunseye non ne approfitta. Lucchese pericolosa solo su punizione di Zanini deviata in angolo. Favarin cambia: dentro Jovanovic e Lombardo per Sorrentino e Greselin. La Lucchese continua a fare molta fatica e l’Olbia prova a pungere in contropiede. Alla mezz’ora conclusione di De Feo che non spaventa Marson. Nel concitato finale assalto all’arma bianca: i rossoneri protestano per un rigore che l’arbitro però non concede. All’ultimo tuffo ruggito della Pantera con il solito De Feo che trova il punto del pareggio. Gol bellissimo, il settimo stagionale del piccolo attaccante rossonero con un tiro ravvicinato e il pallone che s’insacca sotto la traversa. Finisce 1 a 1, un risultato che certamente non fa decollare una brutta Lucchese ma che perlomeno evita una pericolosa sconfitta.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.