Carnevale e Luna Park, l’allarme di Cgil: “Lavoratori senza risposte”

VIAREGGIO - Futuro in bilico, anche quest’anno, per i giostrai di Viareggio con l’arrivo del Carnevale. Su 45 operatori, solo 17 saranno ricollocati, come l’anno scorso, in Piazza D’Azeglio.

-

Futuro in bilico, anche quest’anno, per i giostrai di Viareggio con l’arrivo del Carnevale. Su 45 operatori, solo 17 saranno ricollocati, come l’anno scorso, in Piazza D’Azeglio. Gli altri 28 rischiano di non lavorare perché, ad oggi, non c’è una collocazione idonea. E’ il sindacato Cgil a lanciare l’allarme con una chiara accusa all’amministrazione comunale che – si legge nel comunicato a firma della segretaria provinciale Mariarosaria Costabile – ad oggi avrebbe negato un confronto alla categoria. “La responsaibilità – è il commento di Cgil – è tutta a carico dell’amministrazione comunale che, pur interpellata dai lavoratori, non ha mai indicato una  soluzione compatibile con le richieste: un luogo non distante dai viali a mare dove si svolgono i corsi mascherati”. Per i giostrai di Viareggio, nel caso non venisse trovata una soluzione, è una situazione critica che si ripeterebbe per il terzo anno. Nel 2018 l’opzione indicata dal comune, il parcheggo della Pam, non è stata neppure considerata. Gli operatoi non hanno nemmeno provveduto a montare le giostre, reduci dal flop dell’anno precedente. Problema che si è ripresentato anche nella stagione  estiva e sotto le feste natalizie. Un coportamento inaccettabile secondo il sindacato, da parte della giunta Del Ghingato che ha  portato la questione a ridosso della manifestazione: “Invitiamo  il sindaco e l’amministrazione ad intervenire il prima possibile, per permettetre a questi seri lavoratori e professionisti di poter svolgere il loro lavoro”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.