Una medaglia in ricordo di Luigi Biagi per non dimenticare gli orrori della Shoah

LUCCA - Si è svolta a Palazzo Ducale la celebrazione del Giorno della Memoria e la relativa consegna della medaglia d'onore agli eredi di Luigi Biagi, un militare della nostra provincia (di Massarosa) deportato in un lager nazista in Polonia durante la Seconda Guerra Mondiale.

-

Il giorno della Memoria, per dimenticare. Si è tenuta venerdì mattina nella Galleria delle Statue di Palazzo Ducale, la consueta ma sempre toccante celebrazione del Giorno della Memoria, in ricordo della Shoah, della terribile persecuzione dei cittadini ebrei e degli italiani, militari e civili, deportati e internati nei lager nazisti. Roba di oltre 70 anni fa ma che è bene non dimenticare. Mai.  Dopo il saluto delle autorità e i due interventi rievocativi di Clara Wachsberger in rappresentanza della Comunità Ebraica e del Dottor Nicola Barbato dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea, la consegna agli eredi della medaglia d’onore concessa dal Presidente della Repubblica alla memoria del militare Luigi Biagi, originario di Massarosa, deportato in Polonia durante la Seconda Guerra Mondiale.

Alla cerimonia era presente una rappresentanza di studenti dell’Istituto Augusto Passaglia di Lucca, nell’intento di coinvolgere gli esponenti delle nuove generazioni in un percorso formativo volto a conservare la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia del nostro Paese e dell’Europa ed a comprendere meglio e salvaguardare i valori affermati nella Costituzione. E’ stata data lettura di alcuni testi di loro scelta sugli eventi commemorati. Gli studenti hanno poi effettuato una visita guidata della mostra “Disegna ciò che vedi. Helga Weissova: da Terezin i disegni di una bambina”, in corso nello stesso Palazzo Ducale.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.