“E se il migrante fossi tu?”: anche a Lucca il progetto Unicoop Firenze

LUCCA - E se il migrante fossi tu? Questo la domanda che il progetto educativo della Unicoop Firenze pone agli studenti delle scuole medie e superiori della Toscana e che ha fatto tappa anche a Lucca, alla casermetta San Paolino delle Mura Urbane.

- 1

In sostanza, Unicoop ha proposto una simulazione in cui i ragazzi, in questi caso delle scuole medie Carducci di Lucca, si ritrovano essi stessi migranti, fuggiti dall’Italia in un ipotetico 2020 in cui il nostro paese è devastato dalla crisi economica, per arrivare in un paese straniero e non molto ospitale, ed affrontano tutti i problemi e le difficoltà di chi viene da lontano.

Gli studenti vengono indirizzati a diverse mansioni e i clandestini finiscono pure in gabbia. Lo scopo di questa simulazione è quello di far comprendere in modo immediato le condizioni e gli stati d’animo di quelli che noi definiamo genericamente gli altri.

Oltre alla simulazione c’è anche un Laboratorio di idee,  che parte dall’immaginario dei ragazzi sulla razza ed il razzismo per stimolare la riflessione ed individuare le forme nascoste di discriminazione presenti nel quotidiano.

 

Commenti

1

  1. Staderini Stefano


    Ma non avete niente di meglio da fare?come per esempio andare a lavorare……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.