Massaciuccoli, il contratto di lago è realta

MASSAROSA - Approvato in consiglio comunale a Massarosa Il contratto di lago. L’atto che individua le azioni per la tutela e lo sviluppo del Massaciuccoli da oggi è realtà.

-

Approvato in consiglio comunale a Massarosa Il contratto di lago. L’atto che individua le azioni per la tutela e lo sviluppo del Massaciuccoli da oggi è realtà. Si tratta di uno strumento di programmazione strategica e negoziata per la riqualificazione e valorizzazione del Lago di Massaciuccoli a cui il Comune di Massarosa ha lavorato a lungo nella costruzione di un percorso partecipativo capace di coinvolgere oltre 150 soggetti tra enti, associazioni, cittadini.

“Dopo due anni di lavoro arriviamo a questo importante traguardo – commenta soddisfatta l’assessora all’ambiente Agnese Marchetti – per la prima volta il Lago non viene visto solo come problematica ma come opportunità di crescita e di sviluppo, è un cambio di prospettiva storico”.

Dopo gli incontri e l’elaborazione delle idee, attraverso una cabina di regia si è arrivati alla definizione di sedici azioni concrete da realizzare a breve termine in materia di tutela, promozione e sviluppo del Lago di Massaciuccoli: “La partecipazione è stata così ampia che questo atto è diventato un modello su scala nazionale – continua l’assessora Agnese Marchetti – proprio perché le scelte e le azioni che prevede per la prima volta non vengono calate dall’alto dagli enti ma sono il frutto di un confronto serio e profondo con tutti i soggetti che operano in quest’area”.

Nel mese di marzo il Contratto di Lago sarà all’approvazione degli enti che hanno firmato il protocollo verso il Contratto di Lago, ovvero il comune di Vecchiano, Viareggio, il Consorzio di Bonifica, il Parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli, l’Autorità di bacino distrettuale Appennino settentrionale, ma è prevista la possibilità di firma anche per associazioni, gruppi e privati cittadini che vogliano impegnarsi per la tutela, la corretta gestione delle risorse idriche e la valorizzazione dei territori lacustri.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.