Ragusa si conferma troppo forte; Le Mura Lucca saluta i playoff

BASKET A1 DONNE - Vince Ragusa 77 A 49 e non è una sorpresa perché anche al Palatagliate le siciliane appaiono la squadra da battere mentre Lucca, non al meglio della condizione fisica non è sembrata poter reggere il ritmo imposto dalle ospiti.

-

Il finale, arrotondato negli ultimi 5 minuti di partita, quando Serventi ha dato spazio alle giovani Salvestrini e Cibeca, fotografa il diverso momento storico delle due società.

Non è un caso che Harmon, l’Mvp dello scudetto biancorosso sia oggi uno dei pilastri inamovibili a disposizione di coach Recupido, anche stasera 14 punti in 25 minuti.

All’ex ala forte si aggiungono Hamby e Kuster (30 punti in due), Consolini (11 punti nei momenti chiave della gara), la lunghezza del roster nel ruolo delle guardie con Gianolla, Soli e

Romeo ed il gioco è fatto. Troppo per Lucca e forse troppo per tutte le squadre del torneo che non si chiamino Schio o Venezia.

La cronaca si riassume col primo quarto quando Ragusa parte subito con le marce alte e piazza un 26 a 7 eloquente. Lucca è brava e coraggiosa a provare a non affondare e grazie alla zona va all’intervallo sotto coi 19 punti di svantaggio di fine primo quarto.

Alla ripresa il momento migliore delle biancorosse che ci provano fino al -14 ma la tripla di Orazzo a bersaglio del possibile -11 è vanificata da un piede sulla linea laterale.

Recupido non vuole rischiare rimette sul parquet Hamby e mette in cassaforte la gara. Alla sirena è 49-77.

Nell’intervallo della gara, passerella meritata per le ragazze delle Mura spring dell’under 16 che hanno conquistato la coppa Toscana e la scopertura della maglia numero 7 di Kayla Pedersen grande protagonista della vittoria dello scudetto, ritirata da Le Mura Lucca come omaggio alla giocatrice americana che ha deciso di non indossare più divise di squadre italiane.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.