Rapina a Lunata, malmenato il direttore della CR di Volterra

CAPANNORI - Rapina alla filiale della Cassa di Risparmio di Volterra che si trova in via della Madonnina a Lunata. I malviventi hanno sfondato la vetrata della banca e poi minacciando gli impiegati si sono fatti consegnare il denaro contenuto nelle casse non temporizzate. Al momento è difficile stabilire l'entità del bottino.

-

Una banda di due, forse tre individui, ha rapinato la filiale della Cassa di Risparmio di Volterra sulla via della Madonnina a Lunata, nel comune di Capannori, picchiando il direttore per farsi consegnare il denaro. I malviventi hanno agito nel pomeriggio, poco prima dell’orario di apertura al pubblico: per introdursi nella banca hanno forzato una finestra sul retro dell’edificio, segando i montanti dell’infisso. Una volta dentro i due, che parlavano con uno spiccato accento meridionale, hanno malmenato il direttore e si sono fatti consegnare il denaro contenuto nelle casse, dato che la cassaforte è a serratura temporizzata. Terminato il colpo si sono dileguati, forse aiutati da un complice che li aspettava all’esterno. Appena scattato l’allarme sul posto è intervenuta una pattuglia dei carabinieri e i sanitari del 118 che hanno medicato il direttore per poi trasferirlo all’ospedale San Luca. trasportata in ospedale anche un’impiegata che era all’interno della filiale al momento della rapina ed ha accusato un malore per lo spavento. Le indagini sono state affidate alla stazione di Capannori, coadiuvati dal nucleo operativo del comando provinciale che hanno cercato testimonianze tra i vari esercizi commerciali dello stabile, oltre a vagliare le immagini degli impianti di videosorveglianza. Ancora da quantificare invece l’importo del bottino. La filiale fu oggetto di una rapina analoga nel 2009. Allora i malviventi, che indossavano maschere di carnevale, fuggirono con 60.000 euro.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.