Assi viari, Tambellini: “Sindaci e categorie dicano se vogliono andare avanti o no”

LUCCA - Per il sindaco di Lucca c'è un "allentamento della tensione" sul progetto. "I primi cittadini di Garfagnana, Mediavalle e Piana e le categorie dicano le cose chiare, altrimenti non buttiamo via più soldi per analisi e progettazioni, quattrini che possono servire per fare altre cose".

- 2

Commenti

2


  1. Sindaco non si preoccupi, se intendete proseguire con questo scempio non ci sarà alcun “allentamento”…si fidi!
    Cercate di trovare un punto significativo a questa storia perché non se ne può davvero più!…se questa benedetta nuova viabilità sarà dichiarata necessaria (e dovrete nel caso dimostrarlo) vedete di trovare una soluzione Sana per tutti…territorio e persone..perché quella proposta non rispetta nessuna delle due!..
    Ma perché invece di puntare a strade nuove non cercate di ridurre i mezZi su ruota ed intensificare altri mezzi…siamo in un mondo dove non è più pensabile avere 1 auto per persona!…Lucca è un territorio minuscolo, raggiungibile da nord a sud in poco tempo, sfruttate i mezzi pubblici!..ci riescono città come Milano, Roma, possibile non riuscirci a Lucca?!. E per i camion?!..si ricordi che siamo a 2019 inoltrato, siamo nell era moderna!..esistono Ferrovie…sviluppate quelle!..ma come potete solo pensare di distruggere un territorio come quello della piana?!..ultimi ettari di verde rimasti!..purtroppo Lucca è una città piccola con tante industrie, come si fa a pensare di non avere un traffico di mezzi pesanti?!..forse lei e gli altri vorreste ricreare la città dall inizio, ma aime, la deluderò, credo sia impossibile!..L unica cosa che potete fare è non peggiorare Le cose.


  2. Propongo una inchiesta giornalistica.
    Andate a chiedere a ogni tir che arriva a Lucca da Via del Brennero la loro destinazione per favore.
    sarei curiosa di sapere quanti tir vengono a Lucca solo perché non hanno una alternativa.
    Tutto sto casino….. distruggiamo ettari di campagna e poi….. non si risolve niente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.