Cgil: “Sul progetto Kme servono garanzie ambientali complete”

LUCCA - Sul progetto Kme ci vogliono garanzie ambientali complete e non è accettabile la posizione di chi dice 'o si fa il pirogassificatore o si chiude'". Lo ha detto il segretario provinciale Cgil Rossano Rossi, presentando l'iniziativa "Clima e lavoro, verso un'economia sostenibile".

-

“Clima e lavoro, verso un’economia sostenibile”. Questo il titolo dell’iniziativa che si terrà il 18 luglio all’auditorium della Fondazione Banca del Monte, promossa dalla Cgil in collborazione con Earth Strike Lucca & Fridays For Future e l’associazione Equinozio.

Un confronto aperto che vedrà la partecipazione tra gli altri di due docenti universitari di Pisa, Simone D’Alessandro di Economia Politica e Matteo Villa di Sociologia Economica, e le conclusioni della segretaria Confederale Cgil, Gianna Fracassi.

Si prospetta un incontro interessante perchè sul tavolo ci sono temi strettamente locali che sono esemplari delle esigenze, spesso almeno apparentemente conflittuali tra lavoro e sostenibilità ambientale. Il segretario generale provinciale Cgil, Rossano Rossi, ha citato le cave di marmo sulle Apuane, gli assi viari e progetto del gassificatore alla Kme. Temi complicati per i quali le risposte non sono semplici. In particolare la questione Kme: Rossi ha detto che la Cgil non appoggerà la realizzazione del nuovo impianto senza garanzie complete sull’ambiente e che non è accettabile la posizione di chi dice “o si fa il pirogassificatore o si chiude”.

Sugli assi viari il sindacato esprime un’opinione contraria, almeno sul progetto che è stato presentato.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.