Grossi (Confindustria) chiede partnership pubblica per i rifiuti di cartiera

LUCCA - Intervenendo al TgNoi il presidente di Confindustria Toscana Nord, Giulio Grossi, ha chiesto alle amministrazioni pubbliche di collaborare con i privati per risolvere il problema dello smaltimento dei rifiuti di cartiera.

-

“Facciamoli insieme gli impianti, pubblico-privati, – ha detto Grossi – la presenza del pubblico sarebbe più rassicurante per i cittadini e noi non avremmo più l’amministrazione pubblica come interclocutore bensì come partner”.

“Esistono esempi virtuosi di collaborazione in questo campo anche sul nostro territorio, ad esempio Acquapur. Spesso invece abbiamo enti che danno il via libera ai progetti ed altri enti che contemporaneamente li bloccano – ha aggiunto Grossi – vedi il caso della Kme con  la Regione che fa la valutazione di impatto ambientale e il comune di Barga che invece ha già detto di no”.

Il presidente di Confindustria ha inoltre chiesto che venga finalmente completato il progetto del “tubone” per la fornitura di acqua alle cartiere. Infine sugli assi viari si è augurato che il progetto non venga gettato al vento”. “Ben vengano le migliorie – ha detto – ma dire ‘no, rifacciamo tutto’ significherebbe aver perso tempo e denaro”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.