Lucchese, il Tribunale ha decretato il fallimento

LUCCA - Il Tribunale di Lucca ha decretato il fallimento della Luchese: la sentenza è stata depositata questa mattina al Tribunale di Lucca. Il commissario che curerà gli interessi della società in questa fase sarà Claudio Del Prete.

-

Alla fine per la Lucchese il giorno del giudizio è arrivato. Il Il Tribunale di Lucca ha decretato il fallimento della società. La sentenza è stata depositata presso la cancelleria di via Galli Tassi. A curare gli interessi della società in questa fase sarà il commissario giudiziale Claudio Del Prete.

Una conclusione annunciata che stride con l’impresa sportiva compiuta quest’anno dai rossoneri che sono riusciti ad ottenere sul campo la salvezza nel campionato di serie C, nonostante 25 punti di penalizzazione.

Malgrado ciò, non c’è stato nessuno che ha tentato, anche questa sarebbe stata un’impresa, di salvare la società. E così si è arrivato al fallimento. Adesso per sperare di disputare un campionato il prossimo anno, magari quello di serie D, bisognerà trovare qualcuno che sostenga la nascita di una nuova società.

Intanto il Comune ha annunciato di voler rendere lo stadio Porta Elisa  idoneo almeno a serie inferiori alla lega pro, con i necessari interventi tra i quali quelli di alleggerimento delle attuali torri faro e di stabilizzazione dei solai sottostanti la tribuna.

Contestualmente Palazzo Orsetti si adopererà, anche pubblicando una manifestazione di interesse pubblica per l’attribuzione del titolo di squadra della città, per consentire ad eventuali soggetti interessati di ripartire dal basso e attribuire alla città un livello calcistico adeguato alla propria vicenda sportiva e alla propria storia.

Nel frattempo, alcuni gruppi di tifosi hanno in detto per martedì sera un corteo che arriverà fin sotto le finestre di Palazzo Santini, dove è in programma il consiglio comunale.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.