Mondo balneare in lutto per la morte di Sofia

MARINA DI PIETRASANTA - E’ stata una giornata di lutto per il mondo balneare di Marina di Pietrasanta, all'indomani della morte di Sofia. A partire da bagno Texas, il luogo della tragedia, che si è conclusa mercoledì, all’Opa di Massa, e dove il cuore della bimba ha smesso di battere, dopo 4 giorni di agonia.

-

E’ stata una giornata di lutto per il mondo balneare di Marina di Pietrasanta per la morte di Sofia. A partire da bagno Texas, il luogo della tragedia, che si conclusa mercoledì, all’Opa di Massa, dovei l cuore della bimba ha smesso di battere, dopo 4 giorni di agonia. Lo stabilimento è rimasto chiuso per l’intera giornata “Gentile cliente – così riporta il cartello affisso sul cancello– la piccola Sofia non ce l’ha fatta. E’ difficile per noi esprimere solo con le parole tutto ciò che stiamo provando. E non è niente rispetto al dolore dei familiari”. Tutto intorno, 107 bandiere a mezz’asta, per condividere il dolore della famiglia Bernokopf. I genitori, Edoardo e Giovanna. entrambi dentisti, stavano trascorrendo qualche giorno di vacanza con la figlia, quando si è consumato il drammatico incidente in quella piccola piscina idromassaggio del bagno di Motrone. L’inchiesta aperta dalla procura di Lucca vede indagate, a vario titolo, sei persone, tra cui il titolare del bagno responsabile della sicurezza e il bagnino addetto alla sorveglianza delle piscine. Con la morte di Sofia, L’ipotesi di reato è passata da lesioni colpose gravissime a omicidio colposo. Sabato alle 9 sarà effettuata l’autopsia sul corpo della piccola dal medico legale Stefano Pierotti, necessaria per capire che cosa sia realmente accaduto quel sabato pomeriggio.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.