Torre del Lago capitale italiana del beach tennis Under 18

BEACH TENNIS - Entusiasmo, grande agonismo e spazio per il ricordo, nel decennale della strage di Viareggio, con l'abbraccio all'associazione “Il Mondo che Vorrei”: emozioni avevano promesso ed emozioni sono state, sulla sabbia di Torre del Lago Puccini

-

Entusiasmo, grande agonismo e spazio per il ricordo, nel decennale della strage di Viareggio, con l’abbraccio all’associazione “Il Mondo che Vorrei”: emozioni avevano promesso ed emozioni sono state, sulla sabbia di Torre del Lago Puccini, per i Campionati Italiani giovanili di beach tennis disputati allo stabilimento balneare Andrea Doria da giovedì 27 a domenica 30 giugno, sotto la regia dell’associazione Bad Players.

L’evento, patrocinato dal Comune di Viareggio e dal Consorzio di Promozione Turistica della Versilia, è entrato nel vivo fin dal giorno d’esordio, con l’assegnazione degli scudetti under 14, 16 e 18 di singolare, maschile e femminile. Da venerdì, invece, in campo tutte le categorie nei vari tabelloni di specialità, con incontri dalla mattina al calar del sole, accompagnati da una folta e colorata cornice di pubblico.

Fra i più piccoli, tricolore di doppio femminile per la coppia tosco-romagnola Alice Pepi-Alice Foschi (9-5 a Valli-Carboni) mentre va in Sardegna lo scudetto del misto, conquistato da Picci-Montisci. Montisci si laurea campione italiano anche nel doppio maschile, insieme a D’Andrea.

L’Under 14 è la categoria che regala più soddisfazioni agli atleti di casa. Tutta “Bad” la finale del singolare femminile, con Matilde Massai che in finale supera la compagna di club, Elena Francesconi, per 9-7. Le due “ragazze terribili” portano a casa altri due titoli di categoria: Elena, in coppia con la sorella Giulia, vince in rimonta il doppio femminile (9-7 a Picci-Manenti); Matilde, insieme al ferrarese Galletti, conquista lo scudetto del misto (9-5 a Picci-Pulcrano). La coppia emiliano-romagnola Galletti-Bertonelli fa suo il doppio maschile, il laziale Frattolillo è invece campione italiano nel singolare.

Nella categoria Under 16 altra firma della giovane “Bad” Elena Francesconi: è suo il tricolore di doppio femminile, in tandem con la maremmana Mariotti (9-7 a Cancellieri-Cermaria); la stessa Mariotti si regala poi il titolo di singolare e quello di doppio misto, con il ferrarese Andreolini. Parla toscano anche il singolare maschile, dove Rosichini s’impone 9-6 sul veneto Boscolo; i due, stavolta in coppia, si aggiudicano il titolo di doppio.

L’Under 18 è una continua sfida incrociata fra Sardegna ed Emilia-Romagna, con l’unico squillo del Granducato che arriva dalla grossetana Gaia Pepi, campionessa italiana di singolare (9-2 a Spadoni). Sugli altri campi si impongono il cagliaritano Manenti, nel singolo e nel doppio maschile (con Cattani), le emiliane Spadoni-Cancellieri nel femminile e la coppia Cancellieri-Cattani nel misto.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.