Dalla Regione 205 mila euro alla Versilia per contrastare la dispersione scolastica

VERSILIA - La Regione Toscana ha stanziato 205 mila euro per l’area della Versilia nell’ambito della progettazione effettuata dalle Conferenze Zonali per l’Istruzione della provincia di Lucca relativa ai Piani Educativi Zonali 2019-2020.

-

Ne dà notizia il consigliere provinciale delegato all’istruzione Luca Poletti il quale spiega come la Regione, con un apposito decreto, abbia finanziato progetti per un totale di 4 milioni e 779mila euro tra importi assegnati e importi da impegnare a favore dei Comuni e delle Unioni dei Comuni per i vari Piani Educativi Zonali (PEZ) che riguardano le attività dell’infanzia (fascia 0-6 anni di età) e dell’età scolare (3-18 anni). La Provincia di Lucca aveva supportato le Conferenze Zonali nella progettazione nonché effettuato l’istruttoria dei progetti per verificarne la coerenza con le tematiche previste.

Più nel dettaglio sono stati assegnati per i 7 Comuni della Versilia 24.642 euro per i PEZ Infanzia ed ulteriori 179.457 euro per i PEZ Età scolare.

Soddisfatto il consigliere delegato Poletti: “Il lavoro di squadra paga sempre – afferma – e stavolta gli enti coinvolti hanno adottato la giusta strategia nell’elaborazione e nella presentazione dei progetti che sono stati finanziati dalla Regione”.

Le risorse economiche serviranno a finanziarie numerosi interventi e attività che spaziano dal sostegno e dallo sviluppo del sistema dei servizi per la prima infanzia alla promozione della continuità educativa orizzontale e verticale, dal consolidamento del coordinamento pedagogico alla formazione del personale. Inoltre il PEZ prevede azioni specifiche anche per prevenire e contrastare la dispersione scolastica, per favorire l’inclusione degli alunni disabili e stranieri, nonché le iniziative di contrasto al disagio scolastico di tipo sociale, economico e comportamentale.

I PEZ rappresentano, in sostanza, uno strumento strategico attraverso il quale si sostiene il sistema dei servizi scolastici e si promuove la continuità educativa, ma anche la formazione del personale.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.