I 10 anni della nuova sede della misericordia di Borgo a Mozzano

BORGO A MOZZANO - Era il 19 settembre 2009. Alla presenza di Ministri della Repubblica, dei presidenti di Regione e Provincia, dell'arcivescovo di Lucca, di 54 persone provenienti dal campo di accoglienza dei terremotati di Lilletta di Bagno (L'Aquila) e di tanti cittadini, veniva inaugurata la nuova casa della Misericordia dedicata alle sorelle Iolanda e Suor Amabile Lotti.

-

 

A 10 anni da quella data i componenti della misericordia di Borgo a Mozzano hanno voluto celebrare l’evento con una bella festa, iniziata con la santa Messa all’interno della chiesa di San Francesco celebrata da Don Francesco Maccari e dal Francescano Padre Panconi. Dopo la messa si è formato il corteo aperto con le note della Banda musicale della Misericordia che ha attraversato parte di borgo a Mozzano fino ad arrivare alla sede della misericordia, alla presenza di tante autorità, volontari e tanti cittadini si è poi inaugurato un mezzo per il trasporto di persone anche con disabilità donato dal Gruppo Cartario Tronchetti da sempre vicino alle necessità della comunità Borghigiana. La struttura della misericordia è un punto nevralgico per la comunità locale oltre ad essere la sede operativa dell’unità del 118 con medico è anche studi medici e sede operativa di tante iniziative per i giovani che si affacciano al mondo del volontariato e di tante altre attività senza poi considerare che è da li che viene gestito il Centro Anziani al Convento di San Francesco, anche l’inaugurazione del nuovo mezzo donato alla comunità da imprenditori locali è la conferma dell’importanza di questa istituzione per la comunità locale. Infatti oggi si festeggiano 10 anni di una struttura nuova e funzionale ma soprattutto operativa grazie alle persone che la vivono giorno dopo giorno che vede in campo circa 300 persone tra dipendenti e volontari a vario titolo e un parco mezzi di 29 unità compreso l’ultima appena inaugurata.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.