Anziano muore al pronto soccorso; la Procura apre un’inchiesta

LUCCA - La Procura di Lucca ha aperto un fascicolo sul caso di un uomo di 76 anni spirato al pronto Soccorso del San Luca, dove, secondo quanto denunciato, si trovava da circa quattro ore senza essere stato visitato.

-

Il fatto è avvenuto lo scorso 4 ottobre. L’anziano, residente in Valle del Serchio, soffriva di una grave patologia e poco dopo le 13 era stato trasportato in ambulanza all’ospedale a causa dell’aggravarsi delle sue condizioni.

Ad accorgersi della sua morte, quattro ore dopo, è stato il figlio, entrato dopo le formalità per ottenere il permesso di ingresso al pronto soccorso.

Adesso sarà la magistratura, che ha disposto anche l’autopsia, a dover stabilire se all’uomo è stata data tutta l’assistenza possibile.

Sulla vicenda è intervenuta ancha la Asl, spiegando che l’uomo era un paziente in condizioni terminali ma che dai primi accertamenti appariva relativamente stabile. Gli era quindi stato assegnato un codice 3, di urgenza differibile, ed era stato accompagnato nella sala multifunzionale, dedicata ai pazienti in attesa di visita e di esami diagnostici.

Purtroppo, spiega ancora la Asl, c’è stato un improvviso e rapido peggioramento delle sue condizioni e l’uomo è deceduto. Sono stati gli stessi medici del Pronto Soccorso di Lucca a richiedere subito il riscontro diagnostico.

 

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.